Maggie – Il Tesoro di Seshat

Maggie – Il Tesoro di Seshat è un puzzle game mobile per bambini tra i 7 e i 12 anni, sviluppato da Studio Evil per Soroptimist International Club d’Italia.

IMG_6007.PNG

La protagonista è Maggie, una giovane esploratrice alla ricerca del tesoro di Seshat, l’antica divinità egizia della matematica e della scrittura. Nel corso della sua avventura Maggie risolverà 20 enigmi a difficoltà crescente, portando il giocatore a confrontarsi con 5 dei più importanti argomenti matematici della scuola elementare. La protagonista è coraggiosa ma amichevole, e le meccaniche di ricompensa e personalizzazione incoraggiano i giovani giocatori a mettersi alla prova lontani dall’ansia e dalle preoccupazioni tipicamente associate alla matematica in questa fascia d’etè. Il gioco è disponibile gratuitamente sugli store Android e iOS.

UN MODELLO PER OGNI BAMBINO

Maggie è arguta e coraggiosa, capace di raccogliere le sfide e trasformarle in occasioni di divertimento e di crescita. Porta con sé un blocchetto di fogli con cui costruisce areoplanini perché ama i viaggi e le scoperte. Ha un gruppo di amici simpatici - maschi e femmine - che la aiutano nella ricerca del Tesoro di Seshat. Giocare nei panni di Maggie è divertente per tutti.

SUPERARE LA PAURA DELLA MATEMATICA

Regole, formule, calcoli: la matematica fa paura. Presentarla come sfida intellettuale, in forma problematica e togliendo l’ansia valutativa, per sostituirla con la voglia di far progredire Maggie nelle sua avventura, è la chiave che il gioco propone per far appassionare le bambine e i bambini alla matematica, alla sua logica e ai suoi contenuti, senza paura.

CONTRO GLI STEREOTIPI

La scelta della protagonista è mirata a mandare un messaggio chiaro contro gli stereotipi di genere che proprio nei primi anni scolari si sviluppano e spesso si consolidano. Challenger è un anziano signore, simpatico ma brontolone, convinto che alle femmine piacciano le storie e ai maschi le azioni concrete. Maggie gli dimostrerà che le ragazze e i ragazzi sono capaci di appassionarsi alle stesse cose e raggiungere gli stessi obiettivi. Ecco perché opportunità e riconoscimenti devono essere gli stessi.